Carlo Maria Mariani - CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea, Foligno

Mariani_Autoritratto (Self-Portrait)_2004_copyright CM MarianiVentiquattro opere pittoriche di Carlo Maria Mariani (Roma, 1931) sono esposte al CIAC (Centro Italiano Arte Contemporanea) di Foligno fino al 1° dicembre 2013. Si tratta di lavori eseguiti tra il 1989 e il 2011, alcuni dei quali presentati nella personale newyorkese di un paio d’anni fa (“Carlo Maria Mariani: New Paintings,” presso la galleria di Francis M. Naumann), e vengono ora fatti conoscere al pubblico italiano. L’iniziativa è curata da Italo Tomassoni, tra i promotori e fondatori del centro folignate e importante studioso del maestro, da Carol Lane, archivista e curatrice del pittore, e dallo stesso Mariani.

Mariani_Constellations_2009_copyright CM MarianiLa produzione recente dell’artista rappresenta una variazione sul tema del percorso figurativo da lui intrapreso oltre quaranta anni or sono. Carlo Maria Mariani ha iniziato a suscitare l’interesse della critica negli anni Settanta, prospettando una pittura modellata sullo stile neoclassico settecentesco, in un’epoca governata dalle più diverse declinazioni del concettuale, lontanissime dal mondo dei pennelli, dei colori e della tecnica antica.

Il recupero colto di temi e pratiche del neoclassicismo – un fenomeno culturale che appariva del tutto eccentrico rispetto alle cicliche riprese del passato – ha costituito e costituisce ancora il marchio distintivo della figurazione di Mariani; essa si è andata poi ibridando, progressivamente, con rimandi ad alcune tendenze novecentesche. Gli algidi e sintetici personaggi che abitano le tele del pittore si muovono così, da tempo, entro scenari dal carattere metafisico e surrealista, in cui l’atmosfera è spesso dominata da una evidente ancorché difficilmente decifrabile componente simbolica.

Mariani_Blue Rain_ 2008_copyright CM MarianiI suoi dipinti, estremamente meditati e dalla stesura lenta e compassata, insieme a quelli di Stefano Di Stasio (n. 1948) e Federico Piruca (1937-2000), tra gli altri, sono stati al centro della prospettiva critica emersa negli anni Ottanta, volta alla promozione di una pittura ponderata e tecnicamente complessa contro le semplificazioni radicali proposte dalle neoavanguardie e dall’arte a dominante concettuale. L’opera di Mariani, pertanto, si ritrova classificata più o meno sotto tutte le etichette avanzate in quel decennio (Anacronismo, Pittura colta, Nuova Maniera Italiana, Ipermanierismo, Citazionismo, e via dicendo) nel tentativo – ex post, si direbbe spasmodico – di elaborare una cornice teorica che legittimasse il lavoro del ristretto gruppo di artisti (italiani) inclini alla ripresa anacronistica.

La mostra di Foligno consentirà, in ogni caso, di fare il punto sulla traiettoria intellettuale di un artista sicuramente singolare, anticonformista e dotato di considerevole cultura storico-artistica, che ha scelto di lavorare a New York, patria dell’Espressionismo astratto e dell’Astrazione post-pittorica. Ma sarà anche, naturalmente, l’occasione per ragionare sulle attuali condizioni di possibilità della pittura e dei suoi rapporti con la tradizione.
   (F. So, 22/9/2013)

 

Mariani_Daybreak_2008_copyright CM MarianiCARLO MARIA MARIANI

28 settembre - 1°dicembre 2013

CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea

 

CIAC
Via del Campanile, 13 – Foligno, tel. 0742 357035 – 3404040625
www.centroitalianoartecontemporanea.com
Apertura e orari mostra:
Venerdì, Sabato e Domenica 10.00-13.00 – 15.30-19.00
Ingresso gratuito





 

Didascalie delle immagini
1. Carlo Maria Mariani, Autoritratto (Self-Portrait), 2004, Olio su tela, 25x20 cm, Collezione privata, Italia
2. Carlo Maria Mariani, Constellations, 2009, Olio su tela, 140x127 cm, Fondazione Mariani/Lane, New York
3. Carlo Maria Mariani, Blue Rain, 2008, Olio su tela, 89x76 cm, Fondazione Mariani/Lane, New York
4. Carlo Maria Mariani, Daybreak, 2008, Olio su tela, 135x152 cm, Fondazione Mariani/Lane, New York
  

 

 

Torna alla lista        Stampa