Il 5 ottobre 2017 al Museo Civico Gaetano Filangieri di Napoli presentazione dell’ultimo lavoro di Gianni Papi: Entro l’aria bruna d’una camera rinchiusa
 
A due anni di distanza dall’uscita del primo volume di saggi Spogliando modelli e alzando lumi, Gianni Papi pubblica una seconda raccolta di contributi (dodici inediti e sei già editi in altre lingue o in contesti di non larga diffusione) relativi alle sue ricerche su Caravaggio e l’ambiente caravaggesco a Roma e a Napoli.

Anche il titolo (ancora una citazione del Bellori tratta dalla biografia del Merisi) evoca un’ideale continuità con il primo volume.  Papi torna a discutere e a riaffermare l’autografia caravaggesca della versione dell’Ecce Homo conservata presso il Santuario del Bambino Gesù di Praga ad Arenzano, da collocare nel periodo siciliano del Merisi.

Il cuore del volume è costituito dal blocco di ben sei interventi che hanno per argomento Ribera. Fra gli altri temi trattati, significativa è la nuova datazione di due opere ben conosciute di Caravaggio, e la presentazione di dipinti di Bartolomeo Manfredi, Nicolas Tournier, Giuseppe Vermiglio, Pietro Paolini e Giovanni Ricca.

Uno spazio ulteriore hanno gli artisti olandesi: Gerrit van Honthorst – di cui si discute dopo la mostra monografica degli Uffizi del 2015 – e David de Haen, al cui catalogo vengono operate importanti aggiunte.
 
La Redazione

Torna alla lista        Stampa