Aprono i battenti delle bellezze architettoniche di Roma grazie ad Open House 2017, evento giunto ormai alla sua sesta edizione che avrà luogo il 6 ed il 7 maggio. Gli edifici della Capitale, ammirati solitamente dell’esterno per storia, peculiarità artistiche ed architettoniche, saranno aperti al pubblico gratuitamente; Open House da infatti la possibilità di accedere a strutture solitamente inaccessibili come il Palazzo delle Finanze- sede del Ministero delle Economie - o il Ministero della Marina Militare. 
 
Per dare “un open house” alla città è necessario  affiliarsi alla rete internazionale Open House Worldwide con un associazione no profit, così nel 2010 è nata Open City Roma che promuove l’evento, ma non solo. Quest’associazione nel corso degli anni si è attivata nel campo della promozione sociale, artistica e culturale promuovendo tour in occasione di mostre o portando avanti progetti come la creazione di un’app per guidare in maniera ludica i percorsi museali, cercando così di far avvicinare così i giovani al mondo dell’arte nell’era 2.0. L’associazione conta più di 700 volontari tra studenti, architetti, professori o semplici amatori dell’arte che ogni anno contribuiscono affinché la fruizione delle bellezze architettoniche della Capitale resti gratuita e così, anche quest’anno questa sfida è stata vinta.
 
Dato il successo della scorsa edizione che ha contato più 70mila visite guidate, quest’anno Open House 2017 sarà preceduto da un evento collaterale strettamente collegato che avrà luogo il 4 e 5 maggio presso il MAXXI: Urbanitas, il primo forum che coinvolgerà istituzioni, cittadini stakeholder, enti di ricerca e imprese per trovare un punto di incontro ed elaborare proposte per una città più sostenibile. Tutte le idee ed i progetti che verranno partoriti in queste due giornate saranno poi condivisi con gli assessorati di Roma Capitale per dare un seguito alla voce di questo forum. Il 6 e 7 sarà la volta delle bellezze architettoniche della Capitale, i siti che si potranno visitare sono più di 200 distribuiti per tutto il suolo romano. Sarà possibile accedere ad alcuni palazzi che, dietro la loro facciata istituzionale, celano un lato storico ed artistico come Palazzo Salviati, costruito nella prima metà del ‘500 da Giulio Romano, il talentuoso collaboratore di Raffaello, e oggi sede del CASD - Centro Alti Studi per la Difesa. Per restare in tema di palazzi istituzionali saranno aperti al pubblico anche il palazzo della FAO, con la sua splendida terrazza, la sede Inail in via IV Novembre, il “Liberty” Ministero della Marina Militare, il razionale Palazzo dell’Areonautica, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale che porta la firma di Cosagra e Scialoja e il Ministero dello Sviluppo Economico. 
 
Per chi ha voglia di immergersi nella cultura a 360 gradi è possibile visitare gli istituti internazionali che si trovano sul suolo romano come l’Accademia Reale di Spagna, con il suo chiostro cinquecentesco, o l’Accademia di Francia a Villa de Medici che si erge sulla collina del Pincio, delimitata dalle Mura Aureliane, ricca di storia e di stanze pittoresche. Verranno organizzate anche diverse visite guidate nei luoghi storici di Roma come l’EMPORIUM, Museo nel Rione Testaccio, antico porto fluviale che si snoda lungo la riva sinistra del Tevere per ben 150 metri. Mentre per chi ama lo stile contemporaneo sono diverse le dimore moderne a cui sarà possibile accedere come Casa Baccina, firmata da Massimo Adario, il grande open space ricavato dal recupero di vecchi laboratori Studio Aaka o il colorato e contemporaneo loft Matca Studio.

 

Per info e prenotazioni

Le modalità di ingresso al sito che si desidera visitare sono tre: semplicemente per ordine di arrivo, prenotandosi sul sito a partire dal 28/04, oppure tramite Rush Line, ovvero la possibilità di entrare in ordine di arrivo nei siti che necessitano la prenotazione al posto dei visitatori che hanno precedentemente prenotato senza presentarsi. Al seguente Link è possibile visionare la mappa interattiva dei luoghi aperti in occasione di Open House 2017 http://www.openhouseroma.org/2017/mappa.

 

 scritto da Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim