IL CAPITALE UMANO NELL'INDUSTRIA,MAST Bologna

ALPERTLa mostra Capitale Umano nell’industria, curata da Urs Stahel, intende documentare il rapporto tra industria e lavoratori attraverso circa 250 scatti tratti dalla collezione della Fondazione MAST – Manifattura di Arti, Sperimentazione e tecnologia, realizzate da 41 grandi fotografi: tra essi, Anselm Adams, Max Alpert, Robert Doisneau, David Goldblatt, Brian Griffin, Jacqueline Hassink, Erich Lessing, Ugo Mulas, Sebastião Salgado, August Sander, Larry Sultan, Mike Mandel.


A partire dalla metà del XVIII secolo, l’avvento dell’industrializzazione in Europa e nel resto del mondo ha prodotto un mutamento così determinante nelle condizioni di vita delle persone da indurre gli storici a coniare il termine “rivoluzione industriale”: un fenomeno che ha avuto ripercussioni epocali sull’intera società, sul modo di pensare e l’esistenza degli uomini nella sua totalità.

Fino a pochissimo tempo fa - prima che l’automatizzazione trasformasse la produzione in un processo affidato in gran parte alla tecnologia - uomini e macchine, industria e lavoratori si può dire che costituissero una sorta di unica grande entità. La storia dell’industria coincide anche col racconto dell’evoluzione dei rapporti tra lavoratori e imprese.
 
PAOLETTI

MANDEL SULTANTra opere su commissione, fotografie documentarie e scatti d’artista, la mostra Il Capitale Umano nell’Industria espone 254 fotografie di persone nei loro luoghi di lavoro, facenti parte della collezione della Fondazione MAST: opere che, nel loro insieme, vengono a comporre un'esauriente testimonianza di quella complessità che struttura i rapporti fra industria, operai e impiegati, fra risorse umane e capitale umano. La mostra racconta il lavoro dell'uomo nelle miniere, nei grandi impianti delle industrie metallurgiche, meccaniche e nelle fabbriche tessili, ma anche nei cantieri stradali, ferroviari e navali e nelle centrali elettriche, mettendo a confronto strumenti, metodi e condizioni di lavoro dall’Ottocento ad oggi.

In concomitanza con Capitale Umano, a partire dal 2 maggio la Fondazione Mast sarà presente a Fotografia Europea a Reggio Emilia con la mostra Erich Lessing – Il lavoro e i lavoratori dopo la guerra, dalla collezione della Fondazione Mast. Con i suoi scatti, Lessing ha saputo cogliere con grande sensibilità e acume la forza e l’energia con cui gli uomini del suo tempo furono in grado di ricostruire l’Europa dopo la seconda guerra mondiale.
(27/04/2014)

 
SALGADO Brasil

“Capitale Umano” nell’industria
A cura di Urs Stahel
MAST - Manifattura di Arti, Sperimentazione e tecnologia
Bologna, Via Speranza 40/42

SUDEKDa Martedì a Sabato, 10:00 – 19:00
www.mast.org

Didascalie immagini:

1. Max Alpert, Worker, 1930
© Max Alpert, Courtesy of Nailya Alexander Gallery, New York
2. Mike Mandel  & Larry Sultan, Untitled From “Evidence”, 1977
© The Estate of Larry Sultan & Mike Mandel, Courtesy Galerie Thomas Zander, Cologne
3. Sebastião Salgado, „Brasil“, Gold Mines, Serra Pelada, 1986
© Sebastião Salgado/Amazonas Images/Contrasto
4. Josef Sudek, Steel Worker, 1923
© Josef Sudek, Courtesy Galerie Johannes Faber, Vienna
5. Antonio Paoletti, Impresa Umberto Girola, Diga di Agaro, 1935-1941
© Antonio Paoletti, courtesy Michael Jakob

 

Torna alla lista        Stampa