La riconoscenza pubblica e privata: itinerari tra le Cappelle di Siena – 8 dicembre 2013 – 6 gennaio 2014

Dietisalvi di Speme_Madonna_Siena_DuomoIl Comune di Siena si fa promotore di un’iniziativa encomiabile, che poggia su un’intelligente interpretazione dell’abusatissimo concetto di valorizzazione del patrimonio culturale. Dall’8 dicembre 2013 fino al 6 gennaio 2014 saranno visitabili alcune delle più importanti cappelle della città: una parte significativa dell’eredità artistica del passato, ricca di opere di valore notevole, sarà dunque fruibile anche grazie al sistema di visite guidate organizzato per l’occasione.

Bernini Gian Lorenzo_San Girolamo_Siena_DuomoIl percorso si snoda a partire dalla cappella della Madonna del Voto, uno degli scrigni più preziosi all’interno della cattedrale. La realizzazione dello spazio devozionale – una vera gemma barocca – fu patrocinata da Alessandro VII Chigi (1655-1667), papa senese, che assunse la titolarità per la propria famiglia e impose la titolazione alla Madonna Immacolata. Terminati i lavori architettonici nel 1660, sovrintesi da Benedetto Giovannelli Orlandi, fu chiesto a Gian Lorenzo Bernini di progettare la decorazione del vano per fornire un allestimento dignitoso alla duecentesca Madonna col Bambino, cui la città si era rivolta con voto pubblico in più circostanze nel corso della storia per scongiurare pestilenze e guerre.
Bernini disegnò la fastosa cornice barocca che racchiude la tavola, oggi assegnata a Dietisalvi di Speme. Lo scultore, inoltre, concepì la serie di quattro Santi che compaiono nelle nicchie della cappella, eseguendo direttamente le figure di Girolamo e della Maddalena, esempi notevolissimi del suo stile maturo e caratterizzati dall’estrema mobilità dei corpi e dei panneggi oltre che dalla meticolosa rappresentazione delle passioni dell’anima, inconfondibile marchio di fabbrica dell’atelier berniniano. Le statue di San Bernardino e Santa Caterina Benincasa, invece, si devono rispettivamente ad Antonio Raggi ed Ercole Ferrata, collaboratori lombardi di Bernini. La cappella custodisce infine quattro pregevoli bassorilievi marmorei raffiguranti Storie di Maria, commissionati da Agostino Chigi (1710-169) nel 1745 ad altrettanti scultori romani, tra i migliori dell’epoca: Carlo Marchionni (Natività della Vergine), Pietro Bracci (Presentazione al tempio), Filippo Della Valle (Visitazione) e Giovanni Battista Maini (Morte della Vergine).

Beccafumi Domenico_Incontro alla porta aurea_Siena_cappella ReliquieL’itinerario contempla quindi la straordinaria Cappella del Manto, sita all’interno dello Spedale di Santa Maria della Scala. Lo spazio devozionale fu edificato per accogliere alcune reliquie provenienti da Costantinopoli e acquistate dallo Spedale nel 1357. Il nome della cappella deriva dalla Madonna della Misericordia eseguita “a buon fresco” da Domenico di Bartolo nel 1444, opera che venne poi rimossa nel 1610 per trovare nuova sistemazione nella Sagrestia Vecchia. La decorazione delle pareti era iniziata già nel corso del XIV secolo, quando Bindoccio e Meo di Pero erano intervenuti su due delle tre campate dipingendo una Madonna in trono e alcuni Santi. Il tesoro pittorico più celebre è però, certamente, la lunetta su cui Domenico Beccafumi nel 1513 affrescò L’incontro alla Porta Aurea per volontà di Pandolfo Petrucci, signore di Siena.
Eccezionale è poi l’apertura della cappella di San Galgano, fatta realizzare da Galgano Saracini in Palazzo Chigi Saracini all’inizio dell’Ottocento. Nell’ambiente furono collocate opere acquistate durante la soppressione dei Conventi.

Palazzo Sansedoni_cappellaLa penultima tappa del viaggio ideale nell’antica devozione cittadina è costituita dalla cappella di Palazzo Sansedoni, anch’essa di norma non visitabile. L’ambiente, ricavato all’interno di uno dei più rilevanti edifici di Piazza del Campo, fu dedicato al beato Ambrogio Sansedoni (1220-1286). Nella decorazione, progettata nell’ambito della ristrutturazione sei-settecentesca dell’imponente dimora, si distinguono i bassorilievi in bronzo con Storie del Beato, eseguiti da Massimiliano Soldani Benzi (1656-1740), cui fanno eco le statue in marmo di Bartolomeo, Giovanni Antonio e Giuseppe Mazzuoli, esponenti della celebre dinastia di artisti senesi attivi tra il XVII e il XIX secolo. Ad esse si aggiunsero, inoltre, nel corso dell’Ottocento, le sculture di Giovanni Dupré e Tito Sarrocchi. La cappella custodisce inoltre un’Adorazione dei pastori di Pietro di Francesco Orioli (1458-1496).

Il percorso si conclude con la cappella dei Nove in Palazzo Pubblico. Taddeo di Bartolo vi dipinse nel corso del primo decennio del Quattrocento (con saldo dei lavori nel 1414) un ciclo di Storie della Vergine, ancora legato allo stile tardo giottesco. Ad ornare lo spazio è inoltre il coro ligneo originale, intarsiato tra il 1415 e il 1428 da Domenico di Niccolò, che raffigurò sui 21 sedili gli articoli del Credo. Importante è inoltre l’organo costruito da Giovanni di Antonio detto il Piffaro tra il 1519 e il 1523, con decorazioni di Giovanni di Pietro e Ghino di Antonio. Nel corso della visita è previsto l’ascolto di brani musicali dei secoli XV, XVI e XIX. Alla fine del Seicento fu trasferita nella cappella la Sacra Famiglia con San Leonardo (1530ca) di Giovanni Antonio Bazzi detto il Sodoma, proveniente dal Duomo.
   (F. So., 16/11/2013)

 

 

Siena_Palazzo Pubblico_Cappella dei NoveLA RICONOSCENZA PUBBLICA E PRIVATA
Un itinerario prezioso tra i tesori nascosti delle Cappelle di Siena

Cappella della Madonna del Voto, Cappella del Manto, Cappella di San Galgano, Cappella Sansedoni, Cappella dei Nove

8 dicembre 2013 – 6 gennaio 2014
 

Prenotazione Gruppi:
Dal lunedì alla domenica - Orario:  alle ore 11:00 e alle ore 15:00
Gruppi da 14 a massimo 30 persone

Prenotazione individuali:
8 dicembre ore 15,00
28 Dicembre ore 11,00
29 dicembre ore 15,00
4 gennaio ore 11,00
5 gennaio ore 15,00

Sodoma_Sacra Famiglia_Siena_Palazzo Pubblico_1530caPartenza dei tour da Piazza Duomo
Ticket (solo su prenotazione)
Intero € 10,00
Ridotto bambini fino a 11 anni € 4,00

Informazioni e prenotazioni visite
T. +390577286300 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17) - email: riconoscenza@operalaboratori.com


Didascalie delle immagini

1. Dietisalvi di Speme, Madonna col Bambino, Siena, Duomo, cappella del Voto, XIII secolo
2. Gian Lorenzo Bernini, San Girolamo, Siena, Duomo, cappella del voto, 1663
3. Domenico Beccafumi, Incontro alla porta aurea, Siena, Spedale di S. Maria della Scala, cappella delle Reliquie
4. Siena, Palazzo Sansedoni, cappella
5. Siena, Palazzo Pubblico, cappella dei Nove
6. Giovanni Antonio Bazzi detto il Sodoma, Sacra Famiglia con S. Leonardo, Siena, Palazzo Pubblico, cappella dei Nove, 1530ca
 

 

Torna alla lista        Stampa