Calatrava_Palasport_Tor Vergata_© Santiago CalatravaSantiago Calatrava (Valencia, 1951) è certamente una delle archistar più note a livello internazionale. Le sue forme ispirate all’organicità della natura segnano da una trentina d’anni il profilo di tante città disseminate nel mondo. I Musei Vaticani gli dedicano una personale che intende porre in evidenza il rapporto coltivato dall’architetto e ingegnere spagnolo con le arti visive.

Curata da Micol Forti, l’iniziativa desidera mettere a fuoco l’intima relazione tra la produzione architettonica e quella scultorea e pittorica: quest’ultima, in effetti, gioca un ruolo significativo nell’attività di Calatrava e risulta innervata da principi di definizione morfologica analoghi a quelli sui quali si fonda la ben più nota progettazione di edifici.

Negli ambienti del Braccio di Carlo Magno, pertanto, è prevista l’esposizione affiancata di modelli architettonici, sculture, disegni e acquerelli, al fine di illustrare i riverberi formali che si intrecciano tra le diverse tecniche espressive impiegate da Calatrava, per il quale la genesi dell’invenzione architettonica è strettamente legata agli studi figurativi elaborati nelle altre arti.

Calatrava_Cascade_© Santiago CalatravaIl percorso espositivo, dunque, segue il sistema di riflessi attraverso una cospicua serie di esempi che comprende la chiesa greco-ortodossa di St. Nicholas a New York, il Palasport dell’Università di Tor Vergata a Roma, le Torri di Malmo e Chicago, l’Opera House di Tenerife e il Ponte di Buenos Aires. Accanto ai lavori enumerati, la mostra presenta inoltre il progetto per la cattedrale di St. John the Divine a New York, cui si contrappone per la concezione affatto diversa quello della Los Angeles Chapel dedicata a padre Junipero, missionario francescano giunto in California nel 1767.

Le Edizioni Musei Vaticani pubblicano per l’occasione un catalogo presentato da Antonio Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani, e contenente i contributi di Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, Antonella Greco, Professore ordinario di Storia dell'Architettura presso la Facoltà di Architettura di Roma, La Sapienza, e Micol Forti, curatore della Collezione d’Arte Contemporanea dei Musei Vaticani, oltre alle schede di Francesca Boschetti, Micol Forti e Rosalia Pagliarani.
   (F. So, 25/11/2013)

 

 

Calatrava_Jerusalem Light Rail Bridge_© Santiago CalatravaSANTIAGO CALATRAVA
Le metamorfosi dello spazio

5 dicembre 2013 – 20 febbraio 2014  

Città del Vaticano, Braccio di Carlo Magno (Piazza San Pietro), Roma

Ingresso libero
 

Orari: tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 18.00, mercoledì dalle 14.00 alle 18.00
Catalogo Edizioni Musei Vaticani  

Inaugurazione: mercoledì 4 dicembre 2013
Ore 18.00: Aula Paolo VI (accesso da Piazza del Sant’Uffizio)
Ore 18.45: Visita alla mostra Braccio di Carlo Magno (Colonnato di Piazza San Pietro)


 

Calatrava_Tree_© Santiago CalatravaDidascalie delle immagini
1. Santiago Calatrava, Rome, Università Degli Studi di Roma Tor Vergata, 2005- Modello del Palasport (scala 1:250) Legno, plexiglas, polystyrene, metallo, cm 194 x 154 x 76 Proprietà Studio Calatrava © Santiago Calatrava
2. Santiago Calatrava, Cascade, s. d. Legno di palissandro, cm 65 x 15 x 68 Proprietà Studio Calatrava © Santiago Calatrava
3. Santiago Calatrava, Jerusalem Light Rail Bridge, 2002-2008 Modello (scala 1:200) Legno, plexiglas, polystyrene, metallo, cm 152,6 x 67,7 x 72 Proprietà Studio Calatrava © Santiago Calatrava
4. Santiago Calatrava, Tree, s. d. Acquerello su carta fatta a mano, cm 102 x 153 Proprietà Studio Calatrava © Santiago Calatrava