Sfumato Rachid Ouramdane -Roma Europa Festival

rachid_ouramdaneOriginale e di forte suggestione, quasi sinestetico (coinvolgendo nei sensi vista, udito e olfatto), “Sfumato”, lo spettacolo del giovane ma già affermato coreografo francese (formatosi ad Angers) di origine algerina Rachid Ouramdane, denuncia i devastanti effetti ambientali dei cambiamenti climatici, in un efficace connubio di danza, musica, video, effetti scenici, testimoniando con un forte impatto emotivo l'urlo della Terra che scatena gli elementi primari.


L'incipit vede una coppia superstite immobile, sdraiata a terra. Dai loro corpi s’innalzano volute di fumo evocanti nebbie di smog e incendi di foreste. La donna si avvita in un sempre più vorticoso roteare del corpo e delle braccia come un tornado: e proprio all'uragano rimanda la voce narrante, il testo della scrittrice Sonia Chiambretto, vigorosamente accompagnato al pianoforte dalle note di Jean-Baptiste Julien.
Dal tetro buio totale in sala avanza il suono di una pioggia torrenziale che investe i danzatori, dai movimenti a scatti o bloccati in pose contratte e contorte. La scena così inondata evoca con la voce narrante lo Tsunami, ma anche i ghiacciai - non solo polari - che si sciolgono e i mari che consumano i litorali col riscaldamento della Terra, nonché l'estinzione delle specie animali e vegetali.
I movimenti coreografici, tra vita e morte, quasi di cadaveri galleggianti nei costumi inzuppati, sono lenti o sfociano in movenze tra break, street e hip-hop fino all'amaro sarcasmo del tip-tap sulle note di "Singing in the rain".
Il dolore della morte, della distruzione e della rovina, e il conseguente esilio, viene affidato ai volti orientali e occidentali proiettati dalle immagini video emergenti sull'acqua, riflessa dai giochi di luce anche sul soffitto del teatro.
La sconfitta e' dell'Uomo. L'urlo di Rachid coglie nel segno. Memorabile.
Antonio Giordano, 05/10/2013

Rachid Ouramdane
Sfumato
Roma Europa Festival
Roma, Teatro Eliseo
4-6 ottobre 2013
http://www.romaeuropa.net/it/festival/1353-rachid-ouramdane.html

Foto © Jacques Hoepffner

 

Torna alla lista        Stampa