ValoriTattili_0001_300px
Di taglio monografico, il primo numero, Quesiti Caravaggeschi 1, è stato dedicato ad alcuni aspetti inediti del caravaggismo italiano ed europeo. Un campo di indagine decisamente fertile, comprendente sia l’attività di alcuni importanti comprimari del grande maestro lombardo, come Orazio Lomi Gentileschi, sia quella di alcuni seguaci di prima e seconda generazione il cui percorso comincia ad emergere dall’anonimato, come Cecco del Caravaggio, Baldassarre Aloisi detto il Galanino, Francesco Parone, fino ad artisti che dall’esperienza caravaggesca trassero linfa per la loro personale poetica, come il senese Niccolò Tornioli e il francese Nicolas Régneir. Giusta attenzione è riservata al limitrofo ambiente delle nature morte, in cui si distinsero il cosiddetto Maestro di Hartford e l’impresa familiare dei Verrocchi.ValoriTattili_0002_300px














Il numero successivo, Ornamenta, ha per tema le arti decorative: i saggi ospitati si muovono cronologicamente dall’Alto Medioevo agli inizi del Novecento e spaziano, solo per fare qualche esempio, dai cofanetti eburnei di manifattura nordica diffusi in Sicilia, ai gioielli dell’infanta di Spagna Catalina Micaela d’Austria, al servizio da tavola in maiolica disegnato da Taddeo Zuccari con Storie della vita di Giulio Cesare, dono di Guidobaldo II della Rovere a Filippo II d’Asburgo, all’intaglio di arredi nel Seicento romano, fino all’attività di Umberto Giunti, abile falsario senese attivo nella Roma della Belle Époque.

L’esordio, a conti fatti, è promettente: la rivista, arricchita da una serie di recensioni alle più interessanti mostre della stagione e da un ampio corredo iconografico, in bianco e nero come a colori, si configura come uno spazio aperto al confronto di studiosi e specialisti, anche internazionali, di scuole e generazioni differenti. La molteplicità degli approcci (analisi stilistica, studio delle copie e delle derivazioni, ricerca documentaria, analisi tecnico-scientifica) e degli ambiti che caratterizzano gli interventi, variazioni intorno allo stesso tema, non possono che contribuire a rendere più ampio e avvincente il dibattito critico attuale.


[Distribuzione Libro.Co. - a Roma presso la Libreria Herder, Piazza Montecitorio 120]

Fabiola Coppola

Torna alla lista        Stampa